Aprire un Negozio di Scarpe: Requisiti, Costi e Ricavi

Aprire un Negozio di Scarpe: Requisiti, Costi e Ricavi

Vuoi aprire il tuo negozio di scarpe e calzature? In questo articolo vediamo se conviene ancora, qualche consiglio per avere successo, nonché tutti i requisiti, i costi ed i potenziali ricavi di un negozio di scarpe.

 

Visita la sezione: Franchising Calzature

Leggi anche: Come Aprire un Negozio di Abbigliamento

Conviene aprire un negozio di scarpe?

Il settore delle calzature in Italia è, insieme all’abbigliamento, uno dei più redditizi nonché un vanto di eccellenza a livello internazionale. Per questa ragione, aprire un negozio di scarpe e calzature potrebbe essere un’idea di business redditizia per tutti gli imprenditori appassionati di moda, design e tendenze.

Le scarpe Made in Italy sono desiderate e famose in tutto il Mondo, ma anche gli italiani difficilmente rinunciano ad uno o più paia di scarpe di qualità e tendenza.

Un po’ per seguire sempre le ultime tendenze e mode, un po’ a causa della passione per le calzature, un po’ per l’importanza che un buon paio di scarpe ricopre nella salute dei piedi, della postura e conseguentemente del corpo, gli italiani acquistano in media a persona dalle 3 alle 5 paia di scarpe l’anno.

Aprire un negozio di scarpe e calzature potrebbe dunque rivelarsi molto redditizio e remunerativo, a patto però di saper offrire una gamma di prodotti di qualità, prezzi concorrenziali, una shopping experience curata per i clienti, curare gli aspetti legati a digitalizzazione e sostenibilità, creando anche un format originale ed attraente, in modo da riuscire ad affrontare a testa alta l’elevatissima concorrenza già presente nel settore.

Ad avere successo nel mercato odierno sono sia i negozi di scarpe multi brand e super forniti, con una vasta gamma di prodotti tra cui scegliere e dunque un target di riferimento molto ampio, che i negozi specializzati o monomarca, che restringono il proprio target di riferimento offrendo tuttavia prodotti selezionati con maggiore cura come ad esempio scarpe artigianali e personalizzate, calzature sportive e professionali, calzature eleganti, calzature per soli uomini / donne / bambini, e così via.

Cosa serve per avere successo:

Il primo step prima di aprire un negozio di scarpe è quello di analizzare e studiare il mercato, il settore, le tendenze e la concorrenza, individuando il proprio target di riferimento ed i relativi gusti, abitudini, capacità di spesa e necessità.

Diverse saranno infatti le accortezze, ed i relativi costi di avvio, per un piccolo negozio specializzato in calzature sportive o artigianali, in pelle o solo per bambini, piuttosto che per uno store di scarpe ultra fornito, di grandi dimensioni, che soddisfi un più ampio target di clientela e con una gamma di prodotti complementari, accessori e pelletteria.

Il locale e la localizzazione giocano ovviamente un ruolo importante per portare un negozio di scarpe al successo. I parametri da valutare tuttavia dipenderanno ancora una volta dalla tipologia di negozio che vorrete aprire. Per un negozio di scarpe specializzato basterà un locale di 40-50 mq, sito in zone centrali e vie commerciali, o dove c’è maggiore concentrazione del proprio target specifico di riferimento. Mentre, per un negozio di scarpe di grandi dimensioni e più fornito serviranno dai 100 ai 120 mq, più il magazzino, ed un localizzazione in centri commerciali o zone periferiche purché ad elevata visibilità, di facile accesso e con disponibilità di ampio parcheggio. Ed ancora, per aprire un negozio di scarpe online non sarà necessario un locale fisico, se non un eventuale magazzino per stoccare la merce, ma il mercato di riferimento e dunque la concorrenza saranno nazionali se non globali.

Altro importantissimo fattore per aprire un negozio di calzature di successo è quello della scelta dei fornitori e la relativa gestione di ordini e magazzino. Fondamentale, per evitare costi esorbitanti e perdite importanti, sarà riuscire ad avere meno merce invenduta possibile, un magazzino di dimensioni ridotte con riordini e rifornimenti rapidi e puntali e, possibilmente, dilazioni di pagamento e possibilità di resi.

Scegliere i migliori fornitori e spuntare condizioni vantaggiose non è facile, soprattutto per chi entra nel settore per la prima volta e non ha ancora maturato i contatti necessari. Per questo, saranno necessarie doti organizzative e gestionali, di contrattazione e spirito imprenditoriale, in modo da fare le scelte più oculate possibili.

Infine, da pianificare con cura saranno anche le campagne di promozione e comunicazione. Pubblicità radiofoniche e su riviste, presenza su giornali e blog specializzati, presenza online, importante presenza sui social, nonché sui siti di settore, oltre alla creazione di un sito internet accattivante ed intuitivo, magari con e-commerce integrato, saranno elementi necessari per portare al vostro negozio di scarpe notorietà e tenere sempre aggiornati i clienti su promozioni, novità e sconti in corso.

 

Prendi spunto dai leader del settore: Franchising Scarpe

 

Requisiti ed adempimenti burocratici:

Per aprire un negozio di scarpe l’imprenditore, oltre ai requisiti minimi e di moralità previsti dalla legge, non necessita di alcuna licenza né qualifica particolare.

Sarà quindi sufficiente seguire l’iter burocratico:

  • Apertura Partita Iva
  • Iscrizione al Registro delle Imprese presso la Camera di Commercio
  • Comunicazione di inizio attività al Comune almeno 30 giorni prima dell’avvio
  • Permesso per esporre l’insegna esterna
  • Apertura posizioni INPS ed INAIL
  • Locali a norma in materia di sicurezza, agibilità, urbanistica e destinazione

La maggior parte delle comunicazioni ed iscrizioni iniziali sono espletabili tramite la Comunicazione Unica. Questa andrà inviata telematicamente tramite PEC alla Camera di Commercio.

Se pur l’iter sia in apparenza non particolarmente complesso, consigliamo fortemente di farsi seguire in tutto da un commercialista per evitare errori, nonché di informarsi in merito ad eventuali ulteriori requisiti presso lo SUAP di riferimento.

 

Costi, ricavi e franchising:

Per aprire, in modo autonomo, un piccolo negozio di scarpe e calzature l’investimento iniziale minimo non scenderà sotto ai 30.000 – 40.000 euro.

Tuttavia, considerando gli ingenti costi per allestire il locale, arredarlo e rifornirlo del primo impianto merce, nonché i costi per affitto ed utenze, per la promozione e per un aiutante part-time, per gli adempimenti burocratici, per la creazione di un portale web, nonché per adeguamenti e ristrutturazioni eventuali, un investimento iniziale più realistico per aprire un negozio di scarpe di medie dimensioni si aggira sui 60.000 – 70.000 euro.

Se si opta per l’apertura di un negozio di calzature in franchising, invece, si può pensare di accedere ad uno dei format “chiavi in mano”, tutto compreso, con investimenti a partire da 25.000 – 30.000 euro circa. Alcuni dei grandi vantaggi dell’aprire un negozio di scarpe in franchising, oltre a merce in conto vendita, reso dell’invenduto e magazzini centralizzati, sono la notorietà del brand, il supporto e l’assistenza, la formazione costante nonché l’affiancamento di un’azienda esperta in grado di trasferire un know-how di qualità che permette l’ingresso nel settore con un posizione di leadership e solidità, oltre ad una più rapida acquisizione di clientela e ad un alto tasso di fidelizzazione.

Per valutare la convenienza dell’investimento, infine, un negozio di scarpe ed accessori ben avviato, di dimensioni medio-piccole, può sperare di fatturare dai 150.000 ai 200.000 euro l’anno. Ovviamente ogni caso andrà studiato singolarmente in fase di redazione del business plan per capire le reali potenzialità del business e l’ammontare degli utili futuri, in base ai costi concreti affrontati.

 

Scopri i migliori: Franchising di Scarpe

Leggi anche la guida completa: Aprire un Negozio di Accessori Moda

 

Search
Generic filters
Exact matches only
Filter by Custom Post Type