Aprire un Negozio per Celiaci: Requisiti, Costi e Ricavi

Aprire un Negozio per Celiaci: Requisiti, Costi e Ricavi

Per tutti gli aspiranti imprenditori attenti alla salute ed appassionati di alimentazione, aprire un negozio per celiaci potrebbe essere un business redditizio e di successo.

Leggi anche: Aprire un Negozio Alimentare – Guida Completa

Visita la sezione Franchising Celiachia

Il settore degli alimenti senza glutine, ma anche di quelli per altre tipologie di intolleranze ed allergie (senza lattosio, senza zucchero, ..), è in costante crescita e rappresenta ad oggi un’ottima opportunità di investimento.

Non solo il numero di persone affette da celiachia o da intolleranza al glutine è in costante aumento, grazie alla maggiore precisione diagnostica del sistema sanitario, ma, nonostante i negozi specializzati siano in aumento e si vendano sempre più comunemente alimenti per celiaci nei supermercati, lo spazio di inserimento per i nuovi imprenditori è davvero ampio.

La concorrenza ridotta, o perlomeno non ancora in grado di soddisfare la grande richiesta di alimenti senza glutine, unita alla crescente attenzione da parte dei consumatori verso un’alimentazione sana e responsabile, rende l’apertura di un negozio specializzato per celiachia ed intolleranze un business dalle potenzialità elevatissime.

Cosa Serve

Per aprire un negozio per celiaci di successo è fondamentale che l’imprenditore ed il personale addetto abbiano conoscenze almeno di base in fatto di nutrizione ed alimentazione, nonché conoscenze approfondite sul mondo del “senza glutine” e delle altre allergie ed intolleranze alimentari.

Per poter davvero diventare un punto di riferimento per tutti coloro che hanno necessità alimentari particolari, sarà necessario offrire un servizio competente e professionale, dimostrando di possedere le nozioni necessarie a consigliare e guidare il cliente nel acquisto.

La passione per il settore è poi fondamentale, anche per riuscire ad essere sempre aggiornati sulle ultime novità del settore, su tutti i prodotti migliori e più sicuri e sulle nuove scoperte mediche in ambito di intolleranze e celiachia.

La gamma di prodotti offerta dovrà essere ampia e completa, rispondendo alle reali esigenze dei consumatori. Per questa ragione sarà fondamentale eseguire delle analisi di mercato, capire i bisogni del target di riferimento, analizzare la concorrenza per capirne i punti di forza e debolezza e scegliere accuratamente i fornitori, i quali dovranno essere certificati, puntuali nei rifornimenti ed offrire unicamente prodotti garantiti ed a norma.

Per aprire un negozio per celiaci possono bastare inizialmente anche soli 50 mq, comprensivo di spazio magazzino e bagno con anticamera per il personale, oltre alla zona espositiva e di vendita. Per la gestione potrebbe bastare una persona, o 2 nei momenti di maggiore affluenza.

Altra accortezza importante sarà saper promuovere efficacemente l’attività, sponsorizzandosi sui social, attraverso un sito web, con volantini ed annunci radiofonici, sui giornali e blog di settore, attraverso strategie di web marketing e soprattutto associandosi e convenzionandosi alle associazioni di categoria ed agli enti più importanti.

Iter e Requisiti

Per aprire un negozio di alimenti senza glutine sarà necessario adempiere al seguente iter burocratico:

  • Apertura Partita Iva
  • Iscrizione al Registro delle Imprese
  • Comunicazione di inizio attività
  • Apertura delle posizioni INPS ed INAIL
  • Ottenimento dell’attestato SAB o di un titolo equivalente, e dell’attestato HACCP (soprattutto se si offrono anche alimenti freschi o preparati in loco come pane, prodotti da forno e dolciari, ecc)
  • Locali a norma in materia di igiene, agibilità, sicurezza, destinazione
  • Ottenimento permesso per esporre l’insegna

Non sono tuttavia richieste specifiche competenze o conoscenze all’imprenditore né alcuna licenza. L’imprenditore dovrà solamente possedere i requisiti necessari per l’apertura di un’attività (maggiore età, assenza di condanne, ecc).

I Costi, i Ricavi ed il Franchising

Per aprire un negozio per celiaci sarà necessario un investimento minimo che va dai 30.000 ai 40.000 euro circa.

A seconda della metratura del locale, della localizzazione, dei costi di adeguamento e ristrutturazione nonché dalla tipologia di merce offerta, il costo per l’avvio di un negozio senza glutine potrebbe aumentare sensibilmente.

Con un investimento di 40.000 euro è possibile coprire i costi inerenti alla location ed al personale (affitto, utenze, stipendi iniziali, adeguamenti, arredamento, hardware e software..), al primo impianto merce (circa 10.000 / 15.000 euro), agli adempimenti burocratici ed alla promozione iniziale.

Il mondo del franchising offre inoltre interessanti opportunità per tutti coloro che sono alle prime armi. Grazie alla formazione, all’assistenza, all’affiancamento, al trasferimento del know-how e ad un brand noto e consolidato, aprire un negozio per celiaci in franchising risulta semplice e meno rischioso rispetto all’avvio in autonomia. Per aprire un negozio di alimenti senza glutine in franchising gli investimenti richiesti sono generalmente esigui, con fee d’ingresso a partire da 5.000 euro e format chiavi in mano con un investimento di 15.000 / 20.000 euro.

Un negozio per celiaci, se pur di piccole dimensioni, ben avviato potrebbe sperare di raggiungere un fatturato di 100.000 euro l’anno.

Qualche idea di successo

Ad oggi per aprire un negozio per celiaci e con alimenti senza glutine di successo, diventando il punto di riferimento per il proprio target, è fondamentale anche sapersi distinguere dalla concorrenza con qualcosa di originale o unico.

Indubbiamente ad influire saranno le strategie di prezzo, di promozione nonché la gamma di prodotti offerti, ma anche un servizio aggiuntivo potrebbe fare la differenza.

Idee di successo per aprire un negozio senza glutine per celiaci sono ad esempio il servizio di consegna della spesa a domicilio (per il quale sarà necessario personale aggiuntivo, un sito web di e-commerce opportunamente adeguato a tale scopo, ecc), oppure ancora la creazione di un piccolo angolo ristoro e caffetteria all’interno del negozio dove offrire succhi, spremute, centrifughe, ed altri piatti freschi a base di frutta e verdura, alimenti biologici, dolci e prodotti di panetteria senza glutine, panini ed insalate per celiaci, ma anche per vegani o specifici per altre problematiche come il diabete o l’intolleranza al lattosio.

Ovviamente i costi e l’investimento iniziale necessario per aprire un negozio per celiaci con servizio di home delivery oppure con piccola caffetteria integrata saranno maggiori, come maggiori saranno al contrario anche i potenziali ricavi ed il numero di clientela attirata e fidelizzata.

Tutti i Franchising Senza Glutine li trovi QUI

Search
Generic filters
Exact matches only
Filter by Custom Post Type