Aprire una Caffetteria in Franchising

Aprire una Caffetteria in Franchising

Le caffetterie sono attività storiche e diffuse ad oggi in ogni paese del mondo. Anche in Italia, dove la concorrenza è elevatissima, possono tuttavia essere ancora attuali ed altamente redditizie, a patto di saper creare il giusto format, differenziandosi dai competitor ed individuando correttamente le esigenze del mercato locale.

Confronta tutte le Caffetterie in Franchising QUI

I format di successo

Le caffetterie di maggior successo oggi si sono evolute in base alle esigenze di consumo ed alle nuove abitudini di vita dei consumatori. Dal semplice bar classico all’italiana si è passati a modelli di caffetteria polifunzionali quali quelli con pasticceria, le bakery, le caffetterie americane, le caffetterie con servizio di ristorazione veloce o i bar specializzati in determinati prodotti (caffè preparati con diverse tecniche, miscele di caffè internazionali, bubble tea, prodotti BIO o senza glutine, ecc).

Entrare nel settore da soli potrebbe sembrare a molti aspiranti imprenditori troppo complesso, dispendioso, ed anche rischioso. Infatti, per chi non ha già mature esperienze e conoscenze approfondite dell’attività, nonché capacità imprenditoriali mature, aprire una caffetteria di successo e gestirla in modo redditizio non è semplice.

Fortunatamente sul mercato ci sono molte soluzioni capaci di semplificare l’avvio e la gestione di una caffetteria, nonché di incrementare al contempo le possibilità di successo del business. Per chi non è esperto nel settore, è alla prima esperienza imprenditoriale, o semplicemente desidera entrare nel settore con le “spalle coperte” da una realtà solida che lo assista a 360°,aprire una caffetteria in franchising risulta la soluzione più indicata e consigliata.

Sul mercato italiano esistono moltissimi format di caffetteria in franchising, permettendo dunque a chi desidera entrare nel settore di scegliere quello che meglio si adatta al mercato locale, nonché più incline alle proprie propensioni, aspirazioni ed obbiettivi professionali.

Tra i format di caffetteria in franchising di maggior successo nel mercato odierno, che meritano attenzione e considerazione da parte di chi vorrebbe aprire una caffetteria in franchising, troviamo:

Caffetterie ambulanti – il vantaggio principale è che si spostano dove c’è domanda: possono essere presenti in parchi, partecipare ad eventi e fiere, ecc. Generalmente le caffetterie itineranti vengono allestite su un Food Truck o un’Ape Car.

Caffetterie take away – ad oggi il servizio d’asporto è fondamentale per ogni caffetteria di successo. I servizi di food delivery hanno di fatti già integrato la consegna a domicilio di caffè, cappuccini, tè, dolcetti e torte dai bar e dalle caffetterie convenzionate. Un’idea di successo, che richiede pochissimo spazio per l’allestimento, è quindi quella di offrire, unitamente a questo servizio, la sola vendita take-away intercettando una clientela di passaggio (lavoratori, viaggiatori, studenti, e così via).

Caffetterie salutari e sostenibili – nel mercato odierno, sempre più attento ad uno stile di vita salutare e consapevole, nonché alle tematiche ambientali e sociali, un format che intercetti questi valori può avere molto successo. Una caffetteria di questo tipo potrà avere arredi riciclati ed in materiali sostenibili, nonché offrire prodotti salutari e “green” come prodotti per celiaci, per vegani, prodotti BIO ed a km0.

Caffetterie americane – l’ingresso della nota catena Starbucks in Italia dimostra come il mercato sia oramai maturo e pronto ad abbracciare il format di caffetteria in vero stile americano. In una caffetteria americana non potranno mancare caffè di ogni genere, in mille varianti di preparazioni e gusti, dolcetti e torte golosi, ampi spazi per poter lavorare e studiare mentre si gustano i prodotti della caffetteria.

Caffetterie per famiglie e “pet friendly” – le caffetterie particolarmente attente a questi due segmenti di mercato (bambini ed animali domestici) hanno un grande successo in Italia. Nelle caffetterie per famiglie, ad esempio, ci sono spazi adatti ai più piccoli e pensati per intrattenerli mentre “i grandi” si prendono un meritata pausa di relax. Nelle caffetteria per animali, oltre a garantire spazi adeguati, si può pensare alla vendita di prodotti per gli amici a 4 zampe come snack, giochi, accessori ed omaggi per l’animale da compagnia per ogni acquisto “umano”.

Se aprire una caffetteria in franchising è una strada che state prendendo in considerazione, allora in questo articolo vi informeremo su cosa serve per aprire una caffetteria in franchising, i vantaggi, i costi e l’iter burocratico.

I vantaggi

Aprire una caffetteria in franchising significa poter godere di molti vantaggi competitivi, entrando nel mercato con chi ha già maturato anni, o decenni, di esperienza ed è pronto ad offrire il supporto di una squadra di professionisti ed esperti in diversi ambiti, dal marketing alla gestione.

Tra i principali vantaggi e servizi ottenuti dalla casa madre, da chi vuole aprire una caffetteria in franchising, vi sono:

  • format chiavi in mano, comprensivo di tutto il necessario per l’avvio e la gestione
  • riduzione del rischio di fallimento
  • trasferimento del knowhow, delle modalità di gestione ed organizzazione
  • esclusiva di zona
  • fornitura completa di arredi, attrezzature, software, hardware, insegne, materiale promozionale e brandizzato, ecc.
  • accesso ai fornitori convenzionati ed ai listini di prezzo agevolati riservati alla rete
  • sfruttamento del potere commerciale raggiunto dalla rete, nonché del sistema capillare di distribuzione ed organizzazione
  • visibilità della rete, utilizzo del marchio già noto e dell’immagine riconoscibile
  • sfruttamento delle campagne di marketing e comunicazione nazionali centralizzate
  • supporto, consulenza, assistenza, affiancamento costanti sin dall’avvio e per tutta la durata della collaborazione (analisi territorio, scelta locale, analisi fattibilità, business plan, analisi costi, affiancamento per la gestione, ecc)
  • progettazione ed allestimento della caffetteria

Cosa serve, i costi

Per aprire una caffetteria in franchising, sia i requisiti richiesti, che gli standard per la location, nonché l’investimento iniziale necessario, varieranno sensibilmente in base ad elementi vari quali la tipologia di format e di attività, alla notorietà del marchio scelto, alla metratura della caffetteria, i servizi offerti all’affiliato, ecc.

Per aprire una caffetteria minimale, con servizio bar e piccola ristorazione o prodotti di pasticceria e panetteria, ed un metratura ridotta, sarà necessario trovare un locale di dimensioni minime di 50 – 80 mq, sito in zone di elevato passaggio e con ottima visibilità, prossimità di parcheggio e fronte strada, meglio se in centri commerciali, centri storici o luoghi di particolare interesse turistico, culturale, in prossimità di scuole o di uffici.

L’investimento richiesto per aprire una caffetteria in franchising va da un minimo di10.000 / 15.000 euro(per i format più snelli, semplici d’asporto), sino ad un investimento medio di circa 40.000 – 50.000 euro per le caffetterie in franchising più complete e con servizio di ristorazione, bakery, gelateria o pasticceria.

A livello personale, invece, per aprire una caffetteria in franchising non è generalmente richiesto alcun requisito, titolo di studio o esperienza pregressa nel settore. Se pur siano preferenziali esperienze nella ristorazione e nella gestione, così come doti comunicative, di organizzazione e passione per il settore, tutta la formazione necessaria sarà offerta dalla casa madre, permettendo quindi anche a chi non ha esperienza o è alla prima attività imprenditoriale di entrare nel settore.

Iter e requisiti legali

Per aprire una caffetteria in franchising sarà necessario seguire il seguente iter burocratico, per il quale tuttavia la casa madre offre generalmente il proprio supporto nonché quello di legali e commerciali convenzionati:

  • apertura partita iva
  • iscrizione al registro delle imprese
  • comunicazione di inizio attività
  • apertura posizioni INPS ed INAIL

(tutte le precedenti possono essere espletate in un’unica soluzione con la Comunicazione Unica, da inviare in forma telematica alla Camera di Commercio)

  • permesso per affiggere l’insegna esterna
  • pagamento diritti SIAE
  • ottenimento nulla osa sanitario Asl
  • messa a norma di locali, cucina ed eventuale laboratorio di produzione
  • ottenimento attestato SAB, in mancanza di un titolo equivalente
  • ottenimento attestato HACCP, obbligatorio per tutto il personale addetto
  • adeguamento degli impianti (illuminazione, canna fumaria, ecc)
  • richiesta della licenza per la vendita e somministrazione di alcolici all’Agenzia delle Dogane

Tutte le migliori proposte per Aprire una Caffetteria in Franchising QUI

Search
Generic filters
Exact matches only
Filter by Custom Post Type