Aprire una Creperia in Franchising

Aprire una Creperia in Franchising

Sono buone in tutti i modi ed in tutte le circostanze, usate in ricette casalinghe e piatti gourmet, o come spuntini gustosi di street food. Stiamo parlando delle crepes che, negli ultimi anni, sono state anche l’oggetto principale alla base del successo di diverse reti franchising nel settore ristorativo.

Confronta le migliori Creperie in Franchising QUI, ed apri subito la tua!

Perché aprire una creperia

Che siano dolci o salate, le crepes si adattano ad ogni tipologia di farcitura, da quella più semplice a quella più gorumet. Le crepes sono inoltre adattabili ad ogni pasto delle giornata, dalla colazione allo snack pomeridiano, sino ad un pasto veloce o ad un antipasto ricercato, e sono completamente personalizzabili sia nell’impasto che nei condimenti.

Le crepes si possono preparare ed offrire alla clientela in innumerevoli varianti. Queste comprendono la variazione dell’impasto delle crepes con varianti BIO, vegane e vegetariane, per celiaci con impasti senza glutine, con impasti light con meno grassi, con impasti proteici, con farine integrali o di cereali antichi, e così via. Anche il ripieno può essere adattato ad ogni palato e può comprendere ingredienti tanto salati come dolci, adatti anche a chi segue regimi alimentari particolari (senza lattosio e senza glutine, con verdure a km0, con prodotti locali freschi, con abbinamenti gourmet, con cioccolata ed altre creme, con frutta fresca o frutta secca, ecc).

Le crepes hanno dunque tutte le carte in regola per piacere a tutti, dai bambini agli adulti, dagli studenti ai lavoratori in pausa pranzo, dalle famiglie sino ai turisti.

Grazie a questo, le crepes sono ideali per aprire diverse tipologie di locale. Che vogliate aprire una bancarella ambulante di street food, un piccolo chiosco take away, una caffetteria e pasticceria particolare o un piccolo ristorante specializzato, le crepes potrebbero essere il “piatto forte” che vi porterà al successo.

Come avere successo e cosa serve

Per aprire una creperia di successo sarà fondamentale studiare il mercato, la concorrenza ed individuare il proprio target di clientela principale. In base a ciò, dovrete riuscire a creare un format di creperia accattivante che incontri i gusti del bacino di clientela locale, nonché modulare le strategie di prezzo e di comunicazione.

Particolarmente importante sarà il lato marketing, nonché la cura delle pagine social, essere presenti sui siti di recensioni, la creazione di un sito web, la creazione di un’APP personalizzata, la delineazione di strategie promozionali e di fidelizzazione, nonché la convenzione con un’attività di food delivery (o la creazione di una struttura propria) per effettuare anche le consegne a domicilio delle crepes e dei dolci proposti.

Per aprire una creperia di successo non potrà poi mancare un’accurata pianificazione mediante un’analisi di fattibilità e dei costi, dei potenziali ricavi, dei rischi, nonché la redazione di un business plan accurato.

Importanti per aprire una creperia di successo saranno anche l’allestimento accattivante del locale con un layout unico, la differenziazione rispetto ai competitor, l’offerta di prodotti e servizi aggiuntivi che aggiungano valore e fidelizzino la clientela, nonché capaci di incrementare i fatturati (come ad esempio l’offerta di prodotti adatti ai bambini, la vendita di prodotti confezionati artigianali, la vendita di kit per realizzare a casa le crepes con i ripieni più amati, l’offerta di prodotti creativi e di tendenza come bubble waffle bubble tea, o ancora di crepes giganti per le feste, l’offerta del servizio di catering, e così via).

Diversi saranno poi gli elementi necessari per aprire una creperia in base al format scelto, ai prodotti ed ai servizi offerti. Il consiglio è quello di partire in piccolo, con un locale take away di dimensioni ridotte (basteranno anche 30 mq) o con un’attività di street food ambulante, su furgoncino o altro veicolo, da posizionare in luoghi di afflusso intenso, località balneari e turistiche, fuori dai locali notturni, in fiere ed eventi.

I vantaggi del franchising

Per chi non ha esperienza nel settore ristorativo e vuole aprire una creperia in modo semplice, nonché per avere successo e non sbagliare, c’è la possibilità di affidarsi ad una rete franchising già consolidata ed esperta.

Scegliere di aprire una creperia in franchising, piuttosto che in modo autonomo, garantisce diversi servizi e vantaggi, a partire dal trasferimento del know-how e dell’esperienza della casa madre (con formazione, corsi di aggiornamento costanti e trasferimento di modalità gestionali ed organizzative collaudate e semplificate), passando per il format chiavi in mano offerto (comprensivo di progettazione ed allestimento del locale o del chiosco ambulante, con fornitura di arredi, attrezzature, software, cassa, insegne, divise, materie prime, menù e ricette testate), sino ad arrivare a tutti i servizi offerti dalla casa madre per semplificare e massimizzare la riuscita del business (analisi di fattibilità, analisi dei costi, stima dei ricavi, analisi del territorio, supporto e consulenza a 360°, affiancamento, assistenza costante, monitoraggio delle vendite, aggiornamenti periodici del menù, ecc).

Altri vantaggi importanti dell’aprire una creperia in franchising saranno poi l’accesso ai prezzi agevolati di fornitura, nonché alle agevolazioni riservate, che solo una grande rete con potere commerciale e contrattuale elevato può ottenere, l’utilizzo di un marchio noto e dell’immagine coordinata riconoscibile, una più veloce acquisizione e fidelizzazione di clientela, campagne di comunicazione mirate ed efficaci a livello nazionale, sia online che offline, supporto ed affiancamento costante sia prima che durante la gestione.

Un network in franchising di creperie ha inoltre il know-how e la forza contrattuale per evolversi e rinnovarsi seguendo i nuovi trend ed i cambiamenti del mercato. Un 2020 particolare per il mondo dell’imprenditoria, e tanto più per un settore “delicato” come quello ristorativo, ha dimostrato come solo chi riesce ad aggiornare le modalità di lavoro, il menù e l’offerta, nonché chi ha reali capacità di gestione e pianificazione, può realmente avere un business solido e durevole nel tempo.

I costi di avvio

Aprire una piccola creperia in franchising, con un format chiavi in mano, richiederà un investimento medio di circa 30.000 euro. L’investimento necessario sale per format più completi con servizi aggiuntivi come caffetteria, gelateria o pasticceria, con sevizio al tavolo, mentre scende per i format più snelli che prevedono la sola vendita d’asporto oppure un’elevata specializzazione sulle sole crepes e sui prodotti analoghi (waffle, muffin, cialde e pancake, ecc, realizzabili con le stesse attrezzature e le stesse materie prime).

Iter burocratico e requisiti

Se pur l’iter burocratico risulti molto più semplice grazie all’affiancamento della casa madre, bisognerà considerare che per aprire una creperia in franchising sarà necessario espletare i seguenti adempimenti burocratici:

  • apertura Partita Iva
  • iscrizione al Registro delle Imprese
  • comunicazione di Inizio Attività
  • apertura posizioni INPS ed INAIL

(Espletabili mediante la Comunicazione Unica)

  • ottenimento degli attestati SAB ed HACCP (il secondo necessario per tutti gli addetti)
  • ottenimento permesso per affissione insegna esterna
  • ottenimento permesso di occupazione del suolo e di vendita in una determinata area, nonché della licenza, nel caso in cui si tratti di attività ambulante o chiosco di street food mobile
  • messa a norma del locale, del laboratorio, degli impianti e della cucina (sarà obbligatoria ad esempio la canna fumaria dove vengono posizionate le piastre di cottura)
  • ottenimento nulla osta sanitario Asl

Confronta le migliori Creperie in Franchising QUI, ed apri subito la tua!

Search
Generic filters
Exact matches only
Filter by Custom Post Type