Aprire una Spaghetteria: Guida Completa, Iter e Costi

Aprire una Spaghetteria: Guida Completa, Iter e Costi

In Italia la ristorazione è non solo il traino dell’economia odierna ma anche una parte integrante della cultura e della tradizione. Ad appassionare particolarmente, italiani e stranieri, sono spesso piatti ricchi di carboidrati quali pasta, pizza e focacce. Ed è proprio sulla base di queste pietanze che sono nati format ristorativi specializzati e di grande successo.

Trova altri spunti imprenditoriali QUI

Visita la sezione Franchising Ristorazione e Franchising Spaghetterie

aprire-spaghetteria-info

Ad oggi tra le diverse attività ristorative specializzate, enorme successo, con una concorrenza non elevatissima, lo stanno riscontrando le spaghetterie, ristoranti specializzati in primi piatti, pasta e spaghetti nelle più disparate variabili.

Qualche consiglio per non sbagliare

Aprire una spaghetteria significa entrare in un mercato potenzialmente davvero redditizio nonché rivolgersi ad un target molto eterogeneo di clientela (stranieri e turisti, italiani, bambini ed adulti). Aprire una spaghetteria, inoltre, è un’ottima scelta per gli imprenditori che vogliono avviare un’attività all’estero, grazie all’apprezzamento globale che la ristorazione italiana riscuote.

Se pur i costi di avvio e gestione, nonché i requisiti burocratici richiesti, non siano da sottovalutare, un ristorante specializzato in pasta e spaghetti può contare su interessanti margini di guadagno grazie al basso costo della maggior parte delle materie prime.

Aprire una spaghetteria è possibile con diverse formule. Si può optare per l’avvio di: un laboratorio di produzione e vendita di pasta fresca con aggiuntiva consumazione in loco, una gastronomia informale con servizio take away e poche sedute, un ristorante tradizionale, un chiosco take away di street food oppure un ambulante.

Tra le diverse formule, soprattutto gli spaghetti rivisitati in formula “take away” e “street food” stanno riscuotendo un crescente apprezzamento.

Per aprire una spaghetteria di successo, nonché fidelizzare la clientela, bisogna curare diversi aspetti importanti quali:

  • Qualità assoluta delle materie prime
  • Grande varietà ed originalità (pasta preparata con farine speciali, senza glutine, per vegani nonché con ingredienti a km0 o biologici, ripieni e condimenti particolari e creativi)
  • Costante studio del prodotto con rinnovo periodico delle pietanze sul menù (per fidelizzare e stimolare la clientela)
  • Servizio cortese, competente e professionale
  • Cuochi specializzati nella preparazione della pasta e degli spaghetti freschi
  • Localizzazione strategica in base alla tipologia di format
  • Pianificazione, studio del mercato e della concorrenza, analisi del target di riferimento
  • Strategie di prezzo competitivo
  • Strategie promozionali e di comunicazione sia online che offline
  • Cura della presenza online (sito web, social, convenzione con servizi di food delivery, siti di recensioni, ecc.)

Iter e requisiti

Per aprire una spaghetteria, qualunque sia il format prescelto, gli adempimenti burocratici da effettuare saranno i seguenti:

  • Apertura P.I.
  • Iscrizione al Registro delle Imprese
  • Apertura posizioni INPS ed INAIL
  • Comunicazione di inizio attività al Comune
  • Permesso per esporre l’insegna
  • Pagamento diritti SIAE per diffondere musica
  • Comunicazione all’Agenzia delle Dogane nel caso si offrano alcolici
  • Attestato SAB, o un titolo equivalente
  • Attestato HACCP, necessario per tutti gli addetti
  • Nulla osta sanitario Asl inerente l’igiene dei locali
  • Locale con destinazione commerciale ed a norma in materia di sicurezza, urbanistica ed agibilità
  • Impianti a norma e sistemi di aspirazione dei fumi di cottura idonei (canna fumaria)
  • Servizi igienici sufficienti ed adeguati sia per il personale che per la clientela

Cosa serve ed i costi

Aprire una spaghetteria richiederà dei costi di avvio ingenti, soprattutto a causa delle attrezzature costose necessarie in cucina nonché dei costi di allestimento ed adeguamento dei locali per rispettare le stringenti normative vigenti per il settore ristorativo.

Aprire una spaghetteria con un format ristorativo tradizionale, richiederà un investimento iniziale minimo che difficilmente scenderà sotto i 100.000 euro.

Aprire una spaghetteria ambulante, con formula street food o take away, richiederà un investimento meno proibitivo ma comunque elevato. I costi iniziali si attesteranno infatti comunque sui 50.000 – 60.000 euro minimi.

Quando si decide di aprire una spaghetteria, i principali costi iniziali da preventivare saranno: allestimento locale, piccoli adeguamenti o ristrutturazioni, affitto ed utenze iniziali, messa a norma del locale e degli impianti, allaccio alle reti, arredamento, attrezzature per la cucina (fondamentali le attrezzature per la produzione di spaghetti e pasta fresca nonché separata cucina per la pasta senza glutine se offerta), primi stipendi di personale qualificato, promozione e marketing iniziale (online ed offline), creazione di un sito web, adempimenti burocratici.

Il franchising

Aprire una spaghetteria in Italia è oggi possibile anche con il franchising. L’investimento minimo richiesto è di 30.000 – 40.0000 euro a fronte del quale vengono offerti: format “chiavi in mano”, forniture complete di tutto il necessario, trasferimento di know how, formazione, assistenza ed affiancamento costante per ogni aspetto relativo l’avvio e la gestione della spaghetteria.

Confronta tutte le migliori Spaghetterie in Franchising qui

Search
Generic filters
Exact matches only
Filter by Custom Post Type