Aprire una tramezzineria in franchising

Aprire una tramezzineria in franchising

Come aprire una tramezzineria in franchising, i vantaggi e svantaggi, se conviene, i costi, l’investimento, l’iter ed i requisiti, nonché come avere successo nel settore.

Investimento minimo richiesto: € 15.000 / 20.000

Investimento medio richiesto: € 30.000 – 35.000

 

Vuoi aprire una tramezzineria in franchising? Confronta tutti i migliori brand del settore nelle categorie:

Franchising Toasterie

Franchising Paninerie

Franchising Hamburgherie

Situazione del settore:

Le tramezzinerie solo locali sempre più in voga nel settore della ristorazione veloce e di qualità. Insieme alle paninerie, toasterie ed hamburgerie, le tramezzinerie incontrano svariate necessità della clientela moderna in quanto offrono un pasto veloce, informale, salutare, di qualità, economico ed un’ampissima possibilità di personalizzazione.

Per aprire una tramezzineria di successo non serve avere doti culinarie particolari ma solo tanta fantasia e voglia di sperimentare. Fondamentale sono la qualità, freschezza e genuinità delle materie prime selezionate ed offrire una vasta scelta che incontri le nuove tendenze, i gusti del mercato e le esigenze particolari in fatto di alimentazione del proprio target di clienti (pane preparato con farine speciali, senza glutine, proteico o con aggiunta di olive / semi / noci, ingredienti selezionati naturali / biologici / a km0 / tipici e locali, proposte per celiaci / vegani / vegetariani, farciture salate e dolci, ricette gorumet / stagionali / per sportivi e salutisti, ecc).

Se si pianifica la gestione in maniera corretta, le tramezzinerie sono un’attività dall’annunciato successo. Si rivolgono ad un target molto eterogeneo ed offrono prodotti che piacciono davvero a tutti (bambini ed adulti di ogni età), senza contare che offrendo anche bevande, birre e vini artigianali, the e tisane biologici e caffè, dolci ed altri prodotti complementari, una tramezzineria può diventare il luogo ideale per un pasto informale, rapido ed accessibile, ma di qualità, in ogni momento della giornata.

Come avere successo:

Fondamentale quando si apre una tramezzineria sarà la corretta individuazione del proprio target di clientela primario nonché delle specifiche richieste ed esigenze di quest’ultimo. In base a questo si dovranno pianificare il menù, le promozioni, le strategie comunicative, nonché i servizi e prodotti da aggiungere, oltre alla tipologia di format ed alle strategie di prezzo da applicare.

Importante, ma non fondamentale per tutti i format, sarà anche la localizzazione strategica del locale nel caso in cui si prevede di effettuare per lo più take away e consumazioni sul posto. Diversi saranno gli standard strategici nel caso in cui si opti per una tramezzineria che offra principalmente consegne a domicilio (delivery), magari con un format come ghost o dark kitchen.

Nel mercato odierno una tramezzineria di successo dovrà riuscire a distinguersi dalla concorrenza, offrendo non solo prezzi concorrenziali, prodotti di qualità, ricette particolari con novità stagionali, un locale accogliente ed un format dinamico, prodotti di tendenza (vedi ad esempio i bubble tea / drink, ecc) ma anche servizi dal valore aggiunto come take away, delivery, APP e sito web personalizzati, raccolta punti e tessere fedeltà, promozioni riservate, eventi, servizio catering, servizio “prenota e ritira”, menù riservati ad aziende / lavoratori / bambini, e così via.

 

Vantaggi offerti dal franchisor:

  • Progettazione ed allestimento del locale “chiavi in mano
  • Esclusiva di zona
  • Supporto nella scelta della location più strategica
  • Possibilità di aprire un punto fisso, mobile (food truck) o un corner o ancora un locale di solo delivery / asporto
  • Formazione completa, aggiornamento ed assistenza continua
  • Fornitura di: arredamento, attrezzature, software gestionale e prodotti di qualità selezionati dalla casa madre
  • Trasferimento del know-how e della modalità operative / gestionali standardizzate e semplificate
  • Format gestionale collaudato e dal comprovato successo sul mercato
  • Marchio conosciuto ed apprezzato sul mercato con una visibilità già maturata
  • Menù e ricettari aggiornati in base alle richieste del mercato
  • Supporto pubblicitario / comunicativo sia online che offline
  • Attività che non necessita di canna fumaria che è possibile allestire anche in piccole metrature
  • Riduzione dei costi di avvio e di gestione grazie agli accordi maturati dalla casa madre ed alle convenzioni / agevolazioni riservate
  • Riduzione del rischio imprenditoriale grazie alla guida ed al supporto di una realtà solida nel settore
  • Supporto per l’eventuale accesso a finanziamenti, bandi, agevolazioni statali

Svantaggi della scelta franchising:

  • Royalty (non sempre)
  • Fee d’ingresso (non sempre)
  • Eventuali altri contributi (pubblicitari, per uso software, ecc)
  • Approvvigionamenti centralizzati o presso fornitori convenzionati
  • Minore autonomia nella redazione e personalizzazione del menù, del layout del locale, delle promozioni e dei prezzi da applicare

 

 

Visiona i marchi del settore tramezzinerie in franchising cliccando qui.

Cosa Serve:

Locale:

  • Mq minimi del locale: da 20 a 70 mq (in base al format scelto ed al marchio)
  • Mq locale medio: 50 – 80 mq
  • Servizi igienici: 1 per il personale (con spogliatoio), in caso vi sia servizio ai tavoli 1 anche ad uso dei clienti.
  • Canna fumaria: Non necessaria, a meno che non si offrano anche altre tipologie di prodotti o non si preveda la cottura in loco (es. cottura carni, uova, pane fresco cotto in loco, dolci e prodotti da forno cotti sul momento, ecc)

Geolocalizzazione:

  • Bacino di utenza necessario: minimi 15.000 – 25.000 abitanti (in base al format ed al marchio scelto).
  • Caratteristiche della zona adatta: centro città, vie principali, zone altro traffico pedonale, locale in prossimità di scuole, uffici, negozi, centri sportivi o ricreativi e zone di interesse turistico o culturale.

Personale:

  • Sono necessarie da 2 a 3 persone compreso il titolare, anche senza esperienza.

Skills e requisiti personali:

  • Abilitazioni e Requisiti: Corso SAB o un titolo equipollente (per manipolazione di cibi e bevande). Corso HACCP per tutti gli addetti che entrano in contatto con il cibo.
  • Esperienze lavorative: Non è necessaria alcuna esperienza o competenza.
  • Capacità e altre attitudini: Capacità preferenziali sono la predisposizione a lavorare a contatto con il pubblico, fantasia, passione, impegno, capacità gestionali ed organizzative e spirito imprenditoriale.

Pratiche amministrative e burocratiche:

  • Comunicazione di inizio attività (presso il Comune almeno 30 giorni prima dell’avvio)
  • Iscrizione al Registro delle Imprese (Camera di Commercio)
  • Apertura Partita Iva
  • Apertura posizioni INPS ed INAIL
  • Autorizzazione sanitaria: Necessario nulla osta su sicurezza ed agibilità dei locali e nulla osta sanitario (emesso dall’Asl).
  • Altre autorizzazioni: eventuale SIAE per diffusione di musica nei locali, eventuale comunicazione all’agenzia delle dogane per la vendita di alcolici, autorizzazione all’esposizione insegna, eventuale permesso per occupazione suolo pubblico nel caso di tavoli e sedute all’esterno.

 

Per visionare tutti i migliori marchi del settore, visita QUI la sezione dedicata alle attività ristorative e trova le migliori offerte per aprire una tramezzineria in franchising.

Torna alla sezione principale con Tutte le idee e le guide per avviare un’attività imprenditoriale.

 

Search
Generic filters
Exact matches only
Filter by Custom Post Type