Aprire un’Agenzia di Aste Immobiliari in Franchising

Aprire un’Agenzia di Aste Immobiliari in Franchising

Se per combattere l’instabilità del mercato le classiche agenzie immobiliari hanno dovuto reinventarsi, un’altra attività di “nicchia” che invece ha prosperato sono le agenzie di consulenza e gestione degli acquisti alle aste immobiliari.

Aprire un’agenzia di aste immobiliari significa essere intermediari ed offrire consulenza e supporto a 360° per tutto l’iter di acquisto, come abitazione o come investimento, di immobili, appartamenti e case messe all’asta. Che si tratti di aste giudiziarie o di altro tipo, comprare un immobile o una casa con questa metodologia permette di risparmiare cifre importanti, acquistando l’immobile sotto al suo reale valore di mercato.

Comprare una casa all’asta permette infatti di pagarla anche solo il 40 o 60% del suo reale valore. Questo non solo risulta essere un’ottima opportunità per gli investitori (affitto commerciale o privato, rivendita dell’immobile acquistato) e per chi vuole avviare nell’immobile un’attività imprenditoriale (come ad esempio un B&B, affittacamere, Hotel, casa di riposo per anziani, parco giochi o asilo per bambini, e così via) ma anche per tutti coloro che cercano di aumentare il proprio potere d’acquisto nel momento di comprare una casa in cui abitare.

Ecco alcune delle migliori proposte Franchising nel settore Aste Immobiliari

Tecnoaffari

Immobiliari
Investimento da € 200

NEOVIT-RE

Immobiliari
Investimento da € 250

GARDEMAR

Aste Immobiliari e Stralcio
Investimento da € 3.900

 

I migliori Franchising di Aste Immobiliari li trovi QUI

I vantaggi del franchising

A prosperare in questo settore, come per ogni attività complessa e specializzata, sono state soprattutto aziende esperte, con decenni di esperienza e soprattutto con un’ampia rete di contatti e software avanzati a disposizione.

Aprire un’agenzia di aste immobiliari in autonomia non è costoso, tuttavia presenta un importante ostacolo che riguarda quello della creazione dei contatti e dei database necessari a trovare sempre per primi le migliori abitazioni e gli immobili messi all’asta.

Non solo, anche saper offrire un servizio di consulenza completo e professionale, guidando i propri clienti a 360° nell’acquisto dell’immobile, non è semplice. Non basta infatti presentare al cliente l’asta in questione e le caratteristiche dell’immobile ma bisogna anche saper aiutare nella valutazione della convenienza reale del prezzo di vendita, nella valutazione dello stato dell’immobile, del costo di eventuali lavori di ristrutturazione, oltre a saper offrire una guida solida ed una consulenza esperta per tutti gli atti e gli adempimenti burocratici da presentare prima, durante e dopo l’asta immobiliare per aggiudicarsi la casa o l’immobile migliore per le proprie esigenze, senza difficoltà o intoppi, ad un prezzo realmente conveniente.

Aprire un’agenzia di aste immobiliari in franchising permette di superare con facilità i primi ostacoli in quanto sarà la stessa casa madre ad offrire ai propri affiliati formazione, supporto, assistenza e consulenza, fornendo al contempo tutti gli strumenti sia pratici che teorici necessari ad avviare un’agenzia di consulenza per aste immobiliari di successo. Dai database più avanzati, aggiornati con tutte le aste della zona e gli immobili disponibili per la vendita, ai database di gestione, dal supporto per le pratiche burocratiche più complesse fino al trasferimento delle modalità gestionali / organizzative, l’affiliato che aprirà un’agenzia di aste immobiliari in franchising sarà seguito, supportato e formato a 360° da dei veri esperti.

Aprire un franchising di aste immobiliari permette inoltre di accedere alle convenzioni e collaborazioni maturate dalla casa madre con diverse realtà correlate al settore (come ad esempio istituti di credito per i clienti che avessero bisogno di accendere un mutuo).

Aprire un’agenzia di aste immobiliari in franchising risulta quindi altamente consigliato per tutti coloro che non hanno esperienza nel settore e vogliono avviare un’attività di successo riducendo costi e tempi di avvio, semplificando la gestione e riducendo notevolmente il rischio d’impresa, ma anche per tutti coloro che vogliono fare il proprio ingresso nel mondo delle aste immobiliari con una posizione di leadership ed un forte potere commerciale.

Quanto costa, iter e requisiti

Aprendo un’agenzia di aste immobiliari in franchising si potrà beneficiare del supporto e della consulenza della casa madre per quanto riguarda la scelta e la valutazione del locale, per il reperimento dei clienti, per tutti gli aspetti promozionali e di marketing, nonché per gli adempimenti burocratici.

L’affiliato dovrà rispettare gli standard ed i vincoli imposti dalla casa madre per gli aspetti quali il bacino di utenza minimo, la visibilità e la metratura del locale, nonché per quanto riguarda le caratteristiche e le competenze personali. Generalmente non sono richieste esperienze, capacità o competenze pregresse nel settore, grazie alla formazione completa offerta, tuttavia potrebbero risultare aspetti preferenziali nella selezione degli affiliati.

Uno dei principali vincoli imposti dai franchising di aste immobiliari sarà il mantenimento degli standard delle casa madre, nonché delle modalità organizzative e gestionali, del layout del locale, e così via. Il contratto di affiliazione commerciale vincola l’affiliato, salvo violazioni da parte della casa madre o previo accordo e pagamento di una penale, per diversi anni (mediamente da 3 a 5).

L’iter da seguire per aprire un’agenzia di aste immobiliari in franchising sarà:

  • apertura partita IVA
  • iscrizione al registro delle imprese
  • comunicazione di inizio attività al Comune
  • apertura posizioni INPS ed INAIL
  • ottenimento del permesso per affissione insegna
  • iscrizione al registro degli agenti di affari in mediazione

Aprire un’agenzia di aste immobiliari in autonomia potrebbe richiedere un investimento complessivo di circa 20.000 euro, contando i costi per locale, attrezzature, hardware e software nonché promozione e database.

Se si decide di aprire un’agenzia di intermediazione per aste immobiliari in franchising sarà invece sufficiente un investimento iniziale che va dai 1.000 ai 15.000 euro, a seconda delle attività svolte e dei servizi ai clienti finali, dei vantaggi e del supporto offerto all’affiliato nonché in base all’estensione e capillarità della rete ed alla notorietà del marchio scelto (con conseguente visibilità e campagne di promozione centralizzate più efficaci e vantaggiose per tutta la rete).

Confronta tutte le offerte di affiliazione nel settore Aste Immobiliari QUI

Search
Generic filters
Exact matches only
Filter by Custom Post Type