Ristorazione Veloce: significato, storia e franchising

Ristorazione Veloce: significato, storia e franchising

La ristorazione veloce, oramai internazionalmente nota come fast food, rappresenta un considerevole segmento del mercato internazionale ed italiano odierno.

Analizziamo la ristorazione veloce per capirne le caratteristiche primarie ed il significato, la sua storia e la sua evoluzione sino al mercato odierno, terra di innumerevoli reti franchising di fast food.

Visiona QUI tutte le migliori reti Franchising di Fast Food

Trova spunti imprenditoriali nella sezione Aprire Attività

Significato e caratteristiche

Il fast food, così come suggerisce lo stesso nome, è una tipologia di ristorazione veloce sia da consumare che da preparare, caratterizzata da un servizio ridotto al minimo nonché da prezzi generalmente molto bassi.

I cibi tipici e classici della ristorazione veloce sono generalmente molto ricchi di calorie, grassi e zuccheri e poveri di altri nutrimenti.

I cibi che meglio si adattano a questa tipologia di ristorazione, grazie ad una preparazione che richiede poco tempo, ai bassi costi per le materie prime nonché al sapore generalmente apprezzato, sono soprattutto hamburger, panini, pizza, patatine fritte, pollo fritto, hot dog, kebab ed altre tipologie di cibi fritti.

La ristorazione veloce si è da sempre rivolta ad un pubblico prettamente giovane, negli ultimi anni tuttavia, complici i ritmi di vita frenetici, il poco tempo a disposizione ed il budget ridotto per i pasti fuori casa, i fast food stanno riscuotendo un grande successo tra persone di ogni età.

Storia ed evoluzione

La ristorazione veloce è da sempre esistita nei pub, nelle tavole calde e nei chioschi ambulanti che vendevano panini. Tuttavia, la ristorazione veloce come oggi la conosciamo ha iniziato a diffondersi solo agli inizi del 1950.

La diffusione ed il concetto stesso di ristorazione veloce è strettamente legato allo sviluppo urbano. Fu infatti proprio nel periodo del secondo dopoguerra, in America, che mangiare fuori, prima un lusso riservato a pochi, diventa di uso sempre più comune e spesso una reale necessità.

Ed è proprio in questo periodo che nascono anche le prime proposte di ristorazione veloce, e soprattutto economica, che riscontrano da subito un enorme successo.

Risale proprio agli anni ’50 infatti il primo vero fast food, nato negli Stati Uniti. Tuttavia i primi rudimentali fast food sono nati già agli inizi del 1900, e non solo in America.

McDonald’s è da molti considerato il primo vero fast food, ed è indubbiamente complice e responsabile della diffusione di questa tipologia di ristorazione a livello internazionale, nonché uno dei maggiori colossi del settore odierno, insieme a Burger King.

Tuttavia, il primo fast food considerato tale fu un bar chiamato “Automat” che preparava pasti confezionati e pronti da portare via, acquistabili con un sistema simile ai distributori automatici odierni. La prima vera e propria catena di fast food fu invece la White Casle, divenuta famosa per gli hamburger quadrati.

La White Castle è il vero e pioniere nel settore della ristorazione veloce come oggi la conosciamo, la prima catena ad aver standardizzato la preparazione dei panini sfruttando una catena di produzione tale da aumentare le quantità e ridurre i tempi di preparazione.

Ad oggi i fast food hanno subito notevoli mutamenti. Se è vero che da sempre l’Europa è stata nettamente più attenta degli Stati Uniti alla qualità e salubrità dei cibi e delle materie prime, anche nei fast food, ad oggi si può parlare di una tendenza più salutistica nel settore dei fast food a livello internazionale.

Sempre di più sono le catene di ristorazione veloce e fast food che puntano su ingredienti selezionati, biologici, sicuri e controllati e propongono menù diversificati e più salutari, comprensivi di frutta e verdura, insalate, proposte vegane e per celiaci nonché proposte ipocaloriche e light.

Franchising

La nascita delle prime catene di fast food è strettamente legata alla nascita del franchising, i due settori si sono infatti alimentati a vicenda.

La nascita delle prime vere reti franchising, come oggi le conosciamo, risale infatti proprio agli anni ’50 in America. Ad usare per prime il sistema franchising furono proprio le catene di ristorazione veloce. I fast food americani, grazie al franchising, hanno potuto effettuare una diffusione massiccia e capillare a livello internazionale, esportando da un lato la ristorazione rapida e dall’altro i vantaggi della formula commerciale utilizzata.

Anche ad oggi la diffusione dei fast food non è minimamente in calo. Anzi, l’aumento dei pasti fuori casa da parte degli italiani, e non, ha contribuito negli ultimi anni ad un massiccio incremento delle attività di ristorazione veloce di ogni tipo ed in ogni luogo, primo fra tutti il centro commerciale.

Ad aver svolto un ruolo chiave nella nascita e nella diffusione dei fast food odierni è soprattutto il franchising, un sistema che ha permesso a molte nuove catene emergenti di diffondersi rapidamente grazie al decentramento verso gli affiliati degli oneri economici e di gestione.

Nuove tendenze

Nel mercato odierno sono ancora presenti le proposte di ristorazione veloce classiche, comprensive di hamburger e patatine, pizza e cibi fritti. Tuttavia a mostrare risultati sempre più interessanti sono le nuove categorie di fast food, nate solo negli ultimi decenni sulla scia delle tendenze salutistiche del mercato e della sempre maggiore consapevolezza e responsabilità alimentare dei consumatori.

Larga diffusione ed apprezzamento lo stanno riscontrando soprattutto i fast food da strada, ovvero gli street food caratterizzati da cibi facili da consumare mentre si cammina. Anche i fast food ambulanti, su ruote, ed i piccoli chioschi siti in zone strategiche (parchi, spiagge, centri commerciali, ecc) stanno riscontrando un crescente successo. Infine, una nuova tipologia di fast food sono i fast casual food, ovvero format ristorativi veloci che, se pur con un servizio minimo, prezzi bassi e cibi da consumare velocemente, presta particolare attenzione alla qualità e freschezza degli ingredienti.

Per quanto riguarda la proposta del menù, un largo apprezzamento lo stanno riscontrando cibi più salutari preparati con materie prime di qualità (a km 0, biologici, freschi, ecc), le proposte vegane e vegetariane, le proposte senza glutine per celiaci, le proposte ipocaloriche e light nonché le proposte adatte a chi ha altre tipologie di allergie o intolleranze alimentari.

Confronta tutti i Fast Food in Franchising QUI

 

Search
Generic filters
Exact matches only
Filter by Custom Post Type